I nostri cari amici cani inevitabilmente, quando arriva il momento della passeggiata, senza i dovuti accorgimenti, obbligherebbe a lavare molto spesso il pelo del cane, che altrimenti rimarrebbe sporco di pipì, puzzerebbe e si macchierebbe se il pelo fosse particolarmente lungo specialmente sulle zampe posteriori.

Udite udite, ci sono dei metodi per evitare che il nostro migliore amico a quattro zampe si sporchi di pipì: aprite bene le orecchie, spargi la polvere di shampoo secco sul pelo de tuo cane, avendo cura di spruzzarlo sempre sul pelo umido, servito di un contenitore di plastica, con sulla superficie dei buchi, qualcosa di simile a quello del borotalco, del sale o del pepe (con il coperchio forellato).

In questo modo, la polvere aderirà al pelo, formando uno strato protettivo e assorbendo le gocce di pipì che inevitabilmente arriveranno addosso durante la passeggiata e procedi come segue, man mano, il pelo si asciugherà e, prima di rientrare a casa, potrai spazzolare il cane che, a quel punto avrà perso la miscela di molecole balsamo e pipì.

Come prevenire se il cane si sporca di pipi

Capita che il nostro cane faccia pipì dove non deve, specialmente su suolo duro, e, come sappiamo su suolo duro è facilissimo che il liquido schizzi, abbiamo visto in che modo educare il cane a fare i bisogni nel posto giusto, ma può succedere di avere difficoltà ad insegnare la gestione della pipì al proprio cucciolo, soprattutto nei primi tempi. In certi casi può davvero essere utile sapere come utilizzare correttamente detergenti e disabituanti per riportare ordine e igiene in casa (ma anche fuori). Ecco qualche consiglio pensato apposta per queste emergenze.

Questo metodo consente al pelo di non rimanere inzuppato di urina e l’uso di questi componenti in realtà lo protegge dalle sostanze acide che provocano prurito tipo l’urina. Ecco perché è così importante eliminare davvero ogni traccia, anche sul cane e soprattutto dalle sue zampe.

L’urina di cane Rimedi se il cane si sporca di pipi

Per contrastare e per eliminare i cattivi odori è possibile alternare l’applicazione di bicarbonato e di aceto, eventualmente diluiti in acqua e spruzzati sulle superfici, nelle zone problematiche

L’odore dell’urina può non essere percepito dall’uomo sull’animale o in un ambiente, ma il cane, che ha un olfatto decisamente potentissimo, lo sente eccome, l’urina, asciugandosi, deposita cristalli di acido che non si dissolvono facilmente quindi il loro odore può persistere.

Il motivo di ciò risiede nella composizione della pipì, liquido che contiene oltre che sostanze di scarto, anche sostanze odorose come i feromoni, che servono tra i cani a comunicare, cioè al maschio a definire il suo territorio e alla femmina a comunicare il suo momento di fertilità.

Rimedi se il cane fa pipi in casa

Succede più in giovane età, ed è normale che i cuccioli siano un po’ confusi ed indecisi sul luogo adatto per fare la pipi, ma può sempre succedere che il cane faccia la pipi in casa anche in età adulta. Chiunque abbia mai avuto un canee, sa bene la fatica di rimuovere, l’odore pipì del nostro cucciolo da tappeti, sedie o addirittura letto, insomma tutte superfici morbide e assorbenti, non è per niente un gioco da ragazzi e più tempo passa senza che il residuo venga rimosso, maggiore saranno le tracce olfattive lasciate dal liquido organico.

Uno degli errori più comuni è utilizzare prodotti a base di ammoniaca, attenzione, questo odore è davvero molto molto simile a quello di pipi, quindi non farà altro che confondere il nostro cane che percepirà all’olfatto un segnale inconfondibile di urina e tornerà a sporcare proprio lì dove tu hai cercato di camuffare.

Come rimuovere la pipi del cane

La cosa migliore da fare sarebbe cercare di eliminare subito la pipi appena fatta, per quanto è possibile se siamo presenti sul posto, una volta che il liquido è asciutto si solidifica, ed evaporando resta soltanto l’acido.

A quel punto, una volta asciutto il danno è fatto! Il consiglio migliore è di utilizzare uno straccio umido imbevuto di acqua tiepida, non calda, attenzione! Solo tiepida, dopo la rimozione totale va utilizzato del detersivo adatto alla superficie dove dobbiamo andare a trattare, piastrelle, parquett, ecc. e pulire fino a che la superficie non risulti del tutto pulita.

I normali detersivi, infatti, non sono in grado di degradare del tutto, né l’odore, né la macchia provocata dall’acido urico che si deposita, specialmente sui tessuti. Questa operazione è possibile solo per mezzo di sostanze molto acide, che vanno a contrastare l’odore pungente, che è così forte proprio perché in un ambiente naturale è un mezzo di comunicazione tra simili.

Rimedi naturali liquidi per pulire la pipi del cane

Esistono anche diversi rimedi naturali, vediamo quali sono e quali fanno a caso nostro.
Un metodo molto utilizzato, del tutto naturale, e anch’esso di facile reperibilità è l’aceto, indicato specialmente se il liquido si è già solidificato, dopo aver rimosso la sostanza coi metodi che abbiamo già detto, pulisci la zona interessata con una soluzione di acqua e aceto in parti uguali, magari con uno spruzzino, poi pulisci la zona interessata sempre con un detersivo adatto alla superficie, (perché anche l’aceto è molto acido e corrosivo, anch’esso va rimosso con cura).

Molto indicato in queste situazioni è il limone, tutte le sostanze acide aiutano ella rimozione dell’urina, (ma vanno sempre ben risciacquate), per quanto riguarda le quantità e le percentuali, ovviamente dipende dalla quantità di urina, (direttamente proporzionale alla taglia e all’età del cane), e dalla zona in cui il ostro amico ha urinato, ma in linea di massima è possibile prendere la quantità di succo presente in due limoni, il limone, è leggermente meno invasivo dell’aceto, quindi può essere che per rimuovere del tutto l’odore occorre lasciarlo agire per almeno 1 ora.

Rimedi naturali secchi per pulire la pipi del cane

Uno dei rimedi naturali secchi più utilizzati dagli amanti degli amici a quattro zampe è il bicarbonato di sodio, oppure l’amido di mais, entrambi di facile reperibilità sul mercato, e acquistabile ad una cifra molto contenuta in qualsiasi supermercato, anche non specifico. Come si utilizza?

Va sparsa la polvere di bicarbonato di sodio o di amido di mais, al di sopra della zona della casa, presa di mira dal nostro cane, lasciare agire la polvere del bicarbonato, soprattutto negli angoli o negli interstizi per qualche ora, va lasciato agire maggiormente se la superficie da sanificare è ad esempio un tappeto o un materasso, se utilizziamo l’amido di mais, invece è necessario lasciar agire la polvere almeno 8 ore.

Quando vediamo che la polvere ha cambiato colore (è divenuta giallina, perché ha assorbito l’urina), va aspirata con un’aspirapolvere (è consigliabile poi gettare il sacchetto dell’aspirapolvere e sostituirlo con uno nuovo), poi possiamo procedere a pulire la parte col normale detersivo specifico per le varie superfici e magari, una volta terminato spruzzare una soluzione, o versare qualche goccia di oli essenziali. Questi sono gli unici a risolvere definitivamente il problema, anche per gli interstizi dove non si vedono le particelle di urina ma che il cane inevitabilmente sente.

Se non ci accorgiamo subito della macchia, sulla superficie ci potrebbe essere un danno maggiore, direttamente proporzionale al tempo trascorso senza pulire, danno più o meno grave a seconda della superficie colpita, in questo caso puoi provare ad utilizzare una soluzione a base di acqua ossigenata, imbevendo uno strofinaccio con l’acqua ossigenata e lasciarlo appoggiato sulla parte danneggiata per qualche ora.

Ora puoi scegliere tu il rimedio più adatto è più comodo, ma mi raccomando, adesso che sei a conoscenza di questi utili rimedi non approfittartene, il tuo migliore amico a quattro zampe ha comunque delle esigenze specifiche, e va comunque portato fuori a fare la passeggiatina.

Portarlo fuori spesso, cerca di portarlo fuori più o meno sempre alla stessa ora, al risveglio la mattina e la sera prima di andare a dormire, sempre dopo i pasti e, in generale, almeno 5 o 6 volte al giorno, è consigliabile, almeno finchè non si sia abituato al 100% fargli fare sempre lo stesso percorso, associato ad un comando specifico al momento in cui fa i suoi bisogni fisiologici e non dimentichiamo di premiarlo sempre quando la fa in un luogo corretto.

Buona Passeggiata